LOGO HOBBY PESCA :: Portale dedicato alla Pesca Sportiva in Mare e in Acque Interne, Settore Agonistico e tutte le Risorse legate al Mare
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Italian version
English version
Deutsche version
Francaise version
 Utenti On Line Utenti On line 2113   Utenti nel Forum Forum    Fotografie nell'Album Fotografico Album Photos 0   Schede di Pesca in Archivio Schede Pesca 0   Utenti Iscritti al Forum Iscritti Forum 6.347  
  domenica 9 agosto 2020      Buongiorno ! Imposta HobbyPesca come HomePage Imposta come HomePage  Aggiungi questo portale alla lista dei tuoi Preferiti Aggiungi ai Preferiti  Segnala questo portale ad un tuo amico che condivide i tuoi stessi interessi e la passione per la pesca sportiva Segnala Sito ad un Amico 
  Torna alla Home Page  Torna Indietro  tecnica :: artificiali fai da te :: art2 :: Aggiungi HobbyPesca ai Tuoi Siti Preferiti  Segnala questa Pagina ad un Tuo Amico  Segnala Errore in questa Pagina 
 
  Novità :: Servizi e Rubriche
  Link Consigliati
Negozio di Pesca Sportiva, vasto assortimento ai prezzi più bassi del web!
Annunci Gratuiti Vendita Barche, Motori Nautici, Imbarcazioni e Accessori per la Nautica
libero
Vari
Altri Link Selezionati!
Realizzare un Minnow Original di 4-5 cm
Commenta questo Articolo  Vota questo Articolo  Stampa questa Pagina 
Testo di  Andrea Battista
Fotografie di  Andrea Battista
Data Pubblicazione  25/06/2005

Continua con questo articolo una serie dedicata alla realizzazione di esche artificiali, in particolare minnow, in maniera artigianale con tecniche del tipo fai da te, che chiunque potrà seguire agevolato da una precisa descrizione delle procedure supportate da immagini e fotografie delle varie fasi di lavorazione.

In questa sezione saranno riportati i passaggi in sequenza, correlati da fotografie per la realizzazione di minnow artigianali, semplici, popper, snodati, etc.
Premetto col dire che sono un pescatore che durante l’inverno si diletta nella realizzazione di tali esche, per cui sicuramente ci sarà qualcuno con più esperienza di me. Qualora stesse leggendo, potrebbe trovare l’articolo monotono o semplice, esso infatti è rivolto a coloro che vogliono iniziare o per chi necessita di qualche consiglio o astuzia.

Naturalmente scambio volentieri opinioni, consigli, confronti e correzioni con chiunque voglia darne, per aiutarsi ma soprattutto per arricchire il proprio bagaglio di esperienze.
Come i consigli anche le critiche sono accettate di buon grado.

Questo tipo di minnow galleggiante, andrà a cercare trote e cavedani in ambienti naturali, e non troppo aperti. Per tanto avrà colori poco appariscenti ma chiari e semplici. L’attrezzatura sarà leggera in quanto il peso dell’artificiale è assai ridotto per via del materiale. Ideale da lasciarlo derivare sulla corrente per farlo poi entrare in azione laddove non si riesca a giungere con un lancio, es. sotto le fronde di un ramo piegato verso l’acqua.

1°FASE: LA SAGOMA


Fig. 1

Si parte da un pezzo di legno, preferibilmente balsa (in foto vi è un altro legno morbido), lo si intaglia con un coltellino o un taglierino fino ad ottenerne una bozza del finto pesciolino (Fig 2)


Fig. 2

Successivamente con della carta vetro levigheremo il corpo dell’artificiale (Fig 3). E’ possibile creare delle scanalature che riportino alle branchie con il coltellino, ma non è indispensabile.


Fig. 3

Nota Bene

  • E’ preferibile tenere un campione davanti di un minnow originale da usare come modello, almeno le prime volte.

  • Quando si incide il legno nel verso delle venature può capitare che si spezzino dei pezzi irregolari e non voluti. Se si è all’inizio non crea problemi, come nella seguente Fig 4, altrimenti il nostro minnow sarà da buttare


Fig. 4

2° FASE: L’ANIMA


Fig. 5

Con un seghetto da legno tagliamo il minnow in sezione, partendo dal ventre e fermandoci sull’ipotetica linea che va dalla testa alla coda dell’artificiale (Fig 6).
A questo punto dobbiamo già sapere se il nostro artificiale avrà una paletta normale, quindi quasi perpendicolarmente rispetto all’asse del corpo (come si nota in Fig 5), oppure da profondità, in cui essa sarà inclinata a piacere, questo dipenderà dagli ambienti da noi frequentati e dallo scopo ricercato. Consiglio la paletta in figura, fa entrare l’esca in movimento più in fretta. Applicheremo così un taglio alla gola del minnow.


Fig. 6

L’anima (Fig 5) verrà ricavata da dell’acciaio armonico, le dimensioni dovranno essere prese direttamente dall’artificiale per non sbagliarsi.

Costruiamo così l’anima che avrà un occhiello in testa e uno in coda.
Per alcuni artificiali a seconda della lunghezza possiamo averne uno intermedio (ricordiamoci che le ancorette tra loro non dovranno toccarsi se ripiegate l’una verso l’altra).

L’acciaio verrà piegato con delle pinze, consiglio quelle con becco a punta. La forma possiamo anche dargliela facendo girare l’acciaio intorno a dei chiodi piantati su di un legno.

Fisseremo l’acciaio al minnow prima incastrandolo, poi stuccando lungo la fessura, senza però superare il taglio della paletta, in modo che rimangano le fessure della testa ancora libere.

Nota Bene

  • L’acciaio armonico è resistente ma se lo piegate 4 - 5 volte a destra e a sinistra si spezza, quindi se l’avete già stortato più volte con le pinze cambiate il pezzo di metallo.

  • Al posto dell’acciaio armonico si possono usare anche le graffette, unico inconveniente è che con il tempo si arrugginiscono e diventano più deboli (1anno circa ). Ho già rifatto alcuni minnow per questo motivo. Il rendimento e la resistenza agli attacchi dei pesci è lo stesso, ma non a distanza di tempo.

3° FASE: LA PALETTA


Fig. 7

La paletta verrà ricavata da della plastica, possiamo prenderla da scatole di cioccolatini, bottiglie, involucri di parti elettroniche o simili (tipo cover o porte USB, per esse usano plastica più rigida per proteggerli, e nello stesso tempo elastica quanto basta).

Sconsiglio plastiche rigide, che anche se più resistenti, si spezzano più facilmente agli urti. Inoltre sono più difficili da lavorare.

Vanno benissimo le bottiglie da 1/2 litro di coca-cola, in quanto hanno dei rilievi a ferro di cavallo con lo scalino giusto, se tagliate in modo che lo scalino non sia eccessivo sono una bomba! (usata in questo minnow).

Modelleremo la plastica con un paio di forbici ripassando i lati con la carta a vetro per rendere il tutto più tondeggiante e per modificare ulteriori imprecisioni. Per le dimensioni potete far riferimento ad un minnow originale, o vedete un po’ voi.

La paletta verrà fissata dapprima con dell’Attack, così trovata la posizione a noi consona lo stucco unirà il tutto al legno.
Così chiuderete le fessure rimaste sempre con il medesimo facendo attenzione a non ostruire gli occhielli, ma chiudendo le aperture con l’interno (soprattutto dove escono le parti dell’anima, più fragili) (vedi Fig 7).

A questo punto basta levigare con della carta a vetro lo stucco eccessivo sulla superficie del minnow. Abbiamo così ottenuto l’esca grezza.

Nota Bene

  • Cercate di rendere la palette più simmetrica possibile con il corpo dell’artificiale, altrimenti l’artificiale tenderà a sbilanciarsi da un lato.

4° FASE: COLORAZIONE E RIFINITURE

Al minnow spoglio applichiamo due quadratini di carta stagnola laddove dovrebbero esserci gli occhi (Fig 8), attaccandoli con un po’ di attack.

Successivamente daremo il colore di fondo argento, oro (Fig 9), per imitazioni più naturali o altri a piacere.
Con il colore lasceremo la stagnola a forma circolare (Fig 10), l’occhio può benissimo essere realizzato con un colore bianco.

Da notare che la stagnola in acqua emetterà luccichii che attirano i pesci da distanza

Fig. 8 Fig. 9

Per la colorazione si possono usare tempere acriliche (come nelle foto) oppure di gran lunga più serio l’aerografo.
Terminata la colorazione daremo uno strato di vernice impermeabile (flatting) sul minnow, così che rimanga più lucido, ma soprattutto così che il legno non marci e i colori non inquinino.

Terminato il tempo in cui asciuga la vernice (10-16 ore il flatting), metteremo due anellini negli occhielli in cui verranno successivamente messe anche le ancorette, entrambe dovranno essere dimensionate al minnow.
Con dei pennarelli a punta fine e inchiostro indelebile possiamo apportare qualche modifica all’aspetto, colorando gli occhi e quant’altro, non dimenticate la vostra firma.
Ecco finito il nostro artificiale pronto per essere provato (Fig 10).


Fig. 10

In bocca al lupo

5° FASE: OSSERVAZIONI E COLLAUDO

  • Asciugata la vernice negli snodi dell’esca le parti in acciaio saranno appiccicate, bisogna farle muovere un po’ e magari scrostare con il coltellino la vernice su di esse, comunque dopo una sola uscita dovrebbe muoversi liberamente.

  • Se il minnow “vibra”, ma tende da un lato allora dovrete stortare l’occhiello anteriore un po’ dalla parte opposta. Attenzione a non stortarlo troppe volte di quì e di là, altrimenti si potrebbe spaccare e siete fregati.

  • E’ possibile che non vibri proprio, in questo caso si ritaglia la paletta andando a tentativi, senza mai toglierla tutta, così da poterne attaccare una nuova sulla parte rimanente della vecchia, altrimenti si pratica nuovamente l’incisione sottogola e si ripete tutto.

  • Se proviamo il minnow in torrente e vediamo che funziona non stupiamoci se poi in acque ferme si muove male, è un imperfezione. Ora, se vogliamo si potrà usare solo in acque correnti o modeste, altrimenti bisogna ribilanciarlo con una paletta differente.
    Questo minnow è stato provato ed ha proprio questo difetto, pertanto sarà usato solo in torrente o in acque con corrente modesta, ma non ferma.
    Difficilmente succede il contrario, cioè se vibra correttamente in acque ferme andrà bene anche in corrente basterà tener una trazione costante su di esso.

PROVARE PER CREDERE

… funziona! Uno dei risultati più appaganti per chi si costruisce artificiali, una modesta selvaggia (21cm) ha attaccato l’artificiale al primo lancio, in un fondo lama di un torrente montano.


 



Vuoi discutere con altri appassionati di Pesca? Vai sul Forum di HobbyPesca.
Entra a far parte della Community più grande d'Italia, centinaia di persone risponderanno alle tue domande.
Potrai conoscere tanti nuovi amici ed organizzare battute di pesca nella tua regione. Che aspetti! Iscriviti subito!


Copyright © HobbyPesca.com
E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso scritto della Redazione e dell'Autore
.

Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Design, Graphics and Web Site composed 
INGEMATIC Web Management
P.Iva IT 06544030726
I Siti del nostro Network

HobbyPesca.com | HobbyPesca.net | HobbyPescaShop.com
HobbyNautica.it | PescaeRelax.it | TavoleSolunari.com
Copyright © 2002-2020  :: v. release 8.0
Tutti i diritti sono riservati  ::  Riproduzione vietata
Contact Module