LOGO HOBBY PESCA :: Portale dedicato alla Pesca Sportiva in Mare e in Acque Interne, Settore Agonistico e tutte le Risorse legate al Mare
Italian version
English version
Deutsche version
Francaise version
 Utenti On Line Utenti On line 81   Utenti nel Forum Forum    Utenti in Chat Chat    Annunci nel Mercatino Msg Mercatino 239   Fotografie nell'Album Fotografico Album Photos 1.146   Schede di Pesca in Archivio Schede Pesca 371   Utenti Iscritti al Forum Iscritti Forum 4.490  
  Effettua il Login al Portale HobbyPesca     Registrati al Portale HobbyPesca  
  lunedì 1 settembre 2014      Buonasera ! Imposta HobbyPesca come HomePage Imposta come HomePage  Aggiungi questo portale alla lista dei tuoi Preferiti Aggiungi ai Preferiti  Segnala questo portale ad un tuo amico che condivide i tuoi stessi interessi e la passione per la pesca sportiva Segnala Sito ad un Amico    Consulta HobbyPesca in modalità RSS Feed  
  Iscriviti alle News Letter del Portale HobbyPesca - Resta Informato su aggiornamenti e Iniziative     Iscriviti alle News Letter  ISCRIVITI ADESSO!
  Torna alla Home Page  Torna Indietro  tecnica :: tecniche pesca :: articoli :: art0 fondo leggera Aggiungi HobbyPesca ai Tuoi Siti Preferiti  Segnala questa Pagina ad un Tuo Amico  Segnala Errore in questa Pagina 
 
  Novità :: Servizi e Rubriche
  Link Consigliati
L'attrezzatura Made in Italy per la Pesca di Profondità
Negozio di Pesca Sportiva, vasto assortimento ai prezzi più bassi del web!
Annunci Gratuiti Vendita Barche, Motori Nautici, Imbarcazioni e Accessori per la Nautica
Invia Gratis 5 SMS al giorno!
Vari
Altri Link Selezionati!
Introduzione alla Tecnica di Pesca a Fondo Leggera
Commenta questo Articolo  Vota questo Articolo  Stampa questa Pagina 
Testo di  Michele Foglia
Fotografie di  Michele Foglia
Data Pubblicazione 
 • Caratteristiche
 • Dove e Quando Praticarla
 • Attrezzatura
 • Prede
 • Esche Indicate
 • Pastura e Pasturazione
 • Terminali
 • Azione di Pesca
 • Note e Suggerimenti
CARATTERISTICHE

Questa tecnica di pesca, molto diffusa, consiste nel portare il terminale in pesca sul fondo ed a una distanza dalla riva in genere inferiore ai 100 m.
E' sicuramente una delle tecniche più antiche, che nel corso degli anni si è particolarizzata a situazioni meteo marine e ambienti costieri specifici, dando luogo a differenti tecniche quali: il Surf Casting, il Beach Legering e il Rock Fishing.
La tecnica in analisi, potremo praticarla senza l'utilizzo di canne specifiche, utilizzando semplicemente una canna bolognese piuttosto robusta, con azione medio rigida, di lunghezza compresa tra 3,5 e 4,5 m.
Per quanto riguarda le competizioni di pesca in mare, anche se nella maggior parte dei campi di gara italiani la pesca che risulta vincente è quella a galla, ci sono dei campi di gara nei quali la pesca a fondo viene attuata nella prima fase della competizione, in attesa che i pesci di superficie (boghe, aguglie, cefali, etc.) entrino nella zona nel frattempo pasturata.


DOVE E QUANDO PRATICARLA

E' una tecnica di pesca molto semplice che si può praticare nei seguenti ambienti:

  • All'interno di Porti e Porticcioli

  • Costa rocciosa (alta o bassa) con fondale roccioso

  • Costa rocciosa (alta o bassa) con fondale misto (scogli e sabbia)

  • Costa rocciosa con fondale sabbioso

  • Spiaggia

Questa tecnica può essere adoperata tutto l'anno, anche se i mesi migliori sono sicuramente da aprile a ottobre.


ATTREZZATURA

Tipo di Canna

  • Possiamo utilizzare una canna bolognese piuttosto robusta, con azione medio rigida e di lunghezza compresa tra 3,5 e 4,5 metri (la lunghezza ideale è 4 m).
    La potenza di lancio può essere variabile tra 20 e 80 gr. a seconda della distanza che si vuole coprire col lancio. 

E' possibile modificare la canna bolognese, realizzando diversi cimini in nylon oppure sdoppiati (la base in carbonio vuoto e il vettino in nylon) che oltre ad aumentarne la sensibilità, permettono di adattare l'attrezzo al lancio di piombi di grammature differenti (a seconda della distanza che si vuole coprire nel lancio). 

Mulinello

Possiamo utilizzare un mulinello medio, dotato di frizione robusta e progressiva, meglio se corredato di più bobine intercambiabili, con capacità di contenere almeno 150 m di monofilo.

Monofili

Per quanto riguarda il monofilo, in bobina utilizzeremo un diametro variabile tra 0,18 e 0,40 che dovrà essere più grande di quello utilizzato per realizzare il terminali, che a sua volta avrà un diametro variabile tra 0,16 e 0,30 per il trave e variabile tra 0,12 e 0,25 per i braccetti degli ami.
Il diametro del filo in bobina e il cimino della canna dovranno essere scelti in base all'ambiente di pesca e quindi alla distanza che vogliamo coprire col lancio.
Per affrontare rapidamente la scelta del filo in bobina torna molto utile la possibilità di poter disporre di un mulinello con bobine intercambiabili, caricate con monofili di diametro differente.

Ami

Gli ami utilizzabili per questo tipo di pesca devono essere del tipo rinforzato (temprati), nichelati e a gambo lungo, come ad esempio la Serie 720N della Gamakatsu, nelle misure comprese tra il numero 8 e il 16, a seconda delle prede presenti e dell'esca utilizzata.

Piombi

Completano l'attrezzatura necessaria dei piombi a oliva, a sfera, a goccia o a saponetta con peso compreso tra 10 e 80 gr. a seconda della distanza da raggiungere col lancio, della conformazione del fondale e del moto ondoso, e comunque proporzionato all'a potenza di lancio della canna adoperata (non oltre i 2/3 del valore max indicato sulle caratteristiche della canna).
Risultano particolarmente utili i piombi colorati con colori vivaci (arancione, rosso, giallo oppure anche semplicemente bianco), perché ciò contribuisce ad attirare l'attenzione del pesce qualora questi sia piuttosto svogliato.


PREDE

La tecnica di pesca in analisi non è selettiva di particolari specie, è una tecnica generica che comunque non compromette la cattura di prede importanti.
Le prede più comuni sono i classici pesci di scoglio: Ghiozzi, Bavose, Tordi, Scorfani, Sparlotti, Donzelle, Sciarrani.
Più rare sono le catture di Saraghi, Triglie, Mormore, Ombrine, Occhiate, Orate e Spigole.


ESCHE INDICATE

Le esche più utilizzate sono gli Anellidi (in particolare Muriddu, Tremolina, Saltarello e soprattutto il Verme di scoglio detto anche Nostrano che rappresenta una marcia in più nelle competizioni), il Gambero innescato intero o a pezzi, la Cozza, il Paguro, l'Oloturia il Totano o il Calamaro a strisce.


PASTURA E PASTURAZIONE

Per questa tecnica di pesca non esiste una pastura specifica.
Se decidiamo di prepararla dovremo utilizzare i classici ingredienti: formaggio, pane e sarda macinata con aggiunta di sale, cercando di realizzare un impasto molto consistente in modo tale che non si sfaldi durante il lancio.
Ovviamente sarà possibile adoperarla solo se stiamo pescando ad una distanza dalla riva non superiore ai 40 metri, e ci dovremo servire di una fionda per lanciare le palle di pastura preparate.


TERMINALI

I terminali utilizzabili sono abbastanza semplici da realizzare, e possono essere essenzialmente di due tipi.
In pratica sono identici per struttura a quelli che ho indicato per la Pesca in Buca, differenziandosi da essi semplicemente nelle lunghezze delle varie sezioni

Terminale A

Il piombo viene sistemato alla fine della lenza, per cui entrambi gli ami si troveranno al di sopra dello stesso.
Questo tipo di terminale è da preferirsi se si incaglia con estrema facilità (Porti, Fondali rocciosi, Fondali misti di sabbia e scoglio) oppure se sul fondo ci sono molte alghe (che renderebbero non visibile l'esca, nel caso si utilizzi il Terminale B).
Un consiglio è quello di collegare il piombo al terminale mediante un pezzo di monofilo di diametro di poco inferiore a quello usato per il trave, in modo che incagliando si perderà solo il piombo, preservando il resto della lenza.
Per legare al Trave questo pezzo di monofilo che porta il piombo, potremo utilizzare un Nodo a Ripartizione, come ad esempio il Nodo di Sangue.
In quest'ultimo caso si parla di piombo a perdere.

Terminale B

In questo caso invece, il piombo viene sistemato direttamente sul trave, scorrevole e fissato con una girella sulla quale inseriremo un tubicino di guaina salva-nodo, per evitare il contatto diretto del piombo con la girella e realizzando un ammortizzatore utile nella fase di lancio.
Questo terminale è in genere da preferire in quanto conferisce al braccetto terminale maggiore libertà di movimento, presentando l'esca in maniera più naturale.
Ovviamente sarà il terminale preferito sui fondali sabbiosi, potendosi utilizzare anche sui fondali misti e all'interno dei porti magari evitando di spostare il finale dopo il lancio.

Caratteristiche dei Terminali:
B1, B2 = Lunghezza dei braccioli degli ami   >>  10 - 40 cm
T1 + T2 (+T3) = Lunghezza del Trave
T2 = B1 + B2 + 5 cm
T3 = B2 + ( 5 - 30 cm ) >> Più lungo se sul fondale c'è vegetazione alta.
T1 = B1 + 5 cm

Nota generale: la lunghezza B1,B2 dei braccioli degli ami dovrà essere più lunga se il pesce è diffidente, altrimenti potrà anche essere molto corta.
Se stiamo pescando su fondali rocciosi, tenderemo a realizzare un terminale il più compatto possibile, per evitare di incagliare spesso e per non dare al pesce la possibilità di intanarsi dopo essere stato allamato.


AZIONE DI PESCA

Innanzi tutto esaminiamo la zona di mare in cui intendiamo pescare cercando di individuare il tipo di fondale aiutandoci con degli occhiali polarizzati, e la sua conformazione effettuando qualche lancio utilizzando un terminale costituito dal solo piombo.

A questo punto dovremo decidere in quale zona vogliamo pescare e scegliere di conseguenza la canna (ovvero il cimino da utilizzare) e il tipo di terminale da adoperare.
Innescati gli ami, procederemo con la fase più importante ovvero con il lancio che porterà il terminale e quindi l'esca sul fondale alla distanza desiderata.

Il lancio risulta essere fondamentale, infatti dovremo cercare di essere piuttosto precisi nel portare l'esca nella zona prefissata e senza forzare eccessivamente per evitare che l'esca si stacchi dagli ami, vanificando l'azione di pesca successiva.

Attenderemo la mangiata da parte del pesce che in genere si verificherà con delle timide tocche all'inizio seguite da una violenta tirata alla quale dovremo essere rapidi nel ferrare prima che il pesce abbia il tempo di intanarsi, rendendo più complicato il suo recupero.
Se stiamo pescando all'interno di un porto oppure da una costa rocciosa con fondale roccioso, non dovremo spostare il finale dal punto in cui si è poggiato a seguito del lancio perché questa operazione aumenterebbe la probabilità di incagliare.
Se invece stiamo pescando dalla spiaggia oppure dalla costa rocciosa con fondale misto o sabbioso, sarà conveniente spostare il finale effettuando piccoli recuperi distanziati, in quanto questa operazione risulta essere efficace nell'attirare l'attenzione dei pesci in zona, specie se esiste della vegetazione sul fondale.
Se neppure tale espediente avrà successo, dovremo recuperare perché molto probabilmente le esche sono state mangiate.

Prima di recuperare la lenza è consigliabile iniziare con una ferrata, come se avessimo allamato un pesce, per poi proseguire con il recupero della lenza in maniera regolare evitando di fare pause, per evitare di incagliare.


NOTE E SUGGERIMENTI

Il problema della pesca a fondo è quello di incagliare spesso il piombo e gli ami sul fondale.
Pertanto è conveniente preparare diversi finali che porteremo sul luogo di pesca, evitando di perdere tempo durante l'azione di pesca.
Altro suggerimento è quello di procurarsi un paio di slamatori, uno piccolo e l'altro medio, infatti alcune prede come ad esempio le Donzelle e i Tordi tendono ad ingoiare l'esca ed essendo dotati di apparato boccale piuttosto duro, rendono difficile l'operazione di slamatura senza danneggiare la bocca del pesce e l'amo.
 



Vuoi discutere con altri appassionati di Pesca? Vai sul Forum di HobbyPesca.
Entra a far parte della Community più grande d'Italia, centinaia di persone risponderanno alle tue domande.
Potrai conoscere tanti nuovi amici ed organizzare battute di pesca nella tua regione. Che aspetti! Iscriviti subito!


Copyright © HobbyPesca.com
E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso scritto della Redazione e dell'Autore
.

Design, Graphics and Web Site composed 
INGEMATIC Web Management
P.Iva IT 06544030726
I Siti del nostro Network

HobbyPesca.com | HobbyPesca.net | HobbyPescaShop.com
HobbyNautica.it | PescaeRelax.it | TavoleSolunari.com
Copyright © 2002-2014  :: v. release 8.0
Tutti i diritti sono riservati  ::  Riproduzione vietata
Contact Module