LOGO HOBBY PESCA :: Portale dedicato alla Pesca Sportiva in Mare e in Acque Interne, Settore Agonistico e tutte le Risorse legate al Mare
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Italian version
English version
Deutsche version
Francaise version
 Utenti On Line Utenti On line 183   Utenti nel Forum Forum    Fotografie nell'Album Fotografico Album Photos 0   Schede di Pesca in Archivio Schede Pesca 0   Utenti Iscritti al Forum Iscritti Forum 6.347  
  giovedì 29 ottobre 2020      Buonasera ! Imposta HobbyPesca come HomePage Imposta come HomePage  Aggiungi questo portale alla lista dei tuoi Preferiti Aggiungi ai Preferiti  Segnala questo portale ad un tuo amico che condivide i tuoi stessi interessi e la passione per la pesca sportiva Segnala Sito ad un Amico 
  Torna alla Home Page  Torna Indietro  tecnica :: tecniche pesca :: articoli :: art0 palamito Aggiungi HobbyPesca ai Tuoi Siti Preferiti  Segnala questa Pagina ad un Tuo Amico  Segnala Errore in questa Pagina 
 
  Novità :: Servizi e Rubriche
  Link Consigliati
Negozio di Pesca Sportiva, vasto assortimento ai prezzi più bassi del web!
Annunci Gratuiti Vendita Barche, Motori Nautici, Imbarcazioni e Accessori per la Nautica
libero
Vari
Altri Link Selezionati!
Introduzione alla Pesca col Palamito
Commenta questo Articolo  Vota questo Articolo  Stampa questa Pagina 
Testo di  Marcello Guadagnino
Fotografie di  Marcello Guadagnino
Data Pubblicazione  26/05/2008
 • La Tecnica
 • Vediamolo in Dettaglio
 • Tipi di Palamito
 • Le Esche
 • Le Prede
 • La Selettivita'
LA TECNICA

Il palamito è uno degli attrezzi più antichi e più utilizzati dagli operatori della piccola pesca nel Mediterraneo, ma presenta caratteristiche diverse in funzione delle aree geografiche e delle marinerie che lo utilizzano. Questo particolare tipo di attrezzo con ami è utilizzato soprattutto nell'Italia meridionale ma recentemente si è diffuso anche nell' alto e medio Adriatico per la pesca del tonno.

Chiamato anche "palangaro", "conzo", "coffa" o "catalana" (nome che deriva dall'indicazione geografica), le tecniche di utilizzo di questo attrezzo sono state tramandate verbalmente dai pescatori che nei secoli ne hanno fatto la loro risorsa ed il loro mestiere.

Oggi è assai diffuso anche tra i pescatori sportivi che, regolamentati dal DPR n° 1639 del 2 ottobre 1968 e s. m. i., possono utilizzare palamiti dotati al massimo di 200 ami.
Benché sia un attrezzo il cui utilizzo necessita una certa perizia ed esperienza, il palamito permette generalmente un rendimento elevato in quantità, ma soprattutto in qualità del pescato. In alcune zone la pesca col palamito dà risultati più che soddisfacenti per far vivere e prosperare l'impresa di pesca, in altre, quelle soprattutto dove si ha la presenza di altri tipi di pesca, il rendimento è minore.

Comunque, la pesca col palamito è generalmente un'attività che si effettua con limitati consumi energetici ed è molto rispettosa delle risorse, essendo un metodo di pesca fortemente selettivo.


VEDIAMOLO IN DETTAGLIO

Il palamito può essere paragonato ad un lunghissimo bolentino armato con molti ami.
Tale attrezzo da pesca consiste, difatti, di un lungo cavo principale ("trave" o "enza madre"), realizzato con cordino ritorto o trecciato, con monofilo o anche con una piccola fune in acciaio.

Alla lenza madre sono legati ad intervalli regolari gli ami, tramite spezzoni di lenze ("braccioli") di diametro inferiore. La distanza tra un amo ed un altro sulla lenza madre è variabile,generalmente leggermente superiore al doppio della lunghezza dei braccioli.

L'intero palangaro, a bordo, è contenuto all'interno di un apposito recipiente ("cesta" o "cassetta") in cui viene opportunamente sistemata la lenza madre con i braccioli e gli ami.


TIPI DI PALAMITO

I palamiti possono essere posizionati in pesca ("calati") ed ancorati in prossimità del fondo (mediante degli opportuni piombi o zavorre, legate alle estremità della lenza madre), che impediscono che l'attrezzo sia trascinato dalle correnti (palamiti "fissi" o "di fondo").
I palamiti fissi sono utilizzati per la cattura dei pesci demersali.

I palamiti "derivanti" (o "di superficie"), a differenza di quelli fissi, sono posizionati a pochi metri di profondità o in superficie per la cattura dei grossi pesci pelagici.

La diversa misura degli ami impiegati nella realizzazione dei palangari consente di catturare, in maniera molto selettiva, varie tipologie di pesce. Il palamito può essere adoperato in ogni stagione, sia di giorno che di notte, utilizzando una gran varietà di esche sia fresche che congelate e di facile reperibilità.


LE ESCHE

L'esca impiegata è diversa in base alle specie ittiche che si vogliono insidiare. Gli ami dei palamiti di fondo vengono generalmente innescati con paguro, bibì (Sipunculus nudus), oloturia, cannolicchio (Solen marginatus), granchio di sabbia, gamberi, striscioline di seppia e pezzi di polpo o calamaro.

Quelli dei palamiti derivanti si innescano prevalentemente con sarde o alacce.


LE PREDE

Con i palamiti di fondo si possono catturare soprattutto saraghi, razze, palombi, rane pescatrici, rombi, murene, pagelli, naselli, gronghi, pesci sciabola ("spatole"), dentici, cernie, capponi, mormore, corvine, saraghi, tanute, scorfani, orate e spigole.

Con i palamiti derivanti invece si catturano soprattutto tonni e pesci spada, ma anche palamite e alalunghe.


LA SELETTIVITA'

Il successo della pesca col palamito è legato in modo particolare al numero degli ami utilizzati. Nella pesca professionale per ottenere catture che ricompensino del lavoro svolto sono necessari molti ami, per cui si immergono quindi varie ceste di ami.

La pesca col palamitro si effettua con limitati consumi energetici ed è molto rispettosa delle risorse che si stanno sfruttando.

Questo attrezzo di pesca ha una grande importanza per la sua selettività, aumentando la grandezza degli ami diminuisce la cattura di "specie accidentali" come tartarughe marine, delfini squali ed esemplari giovanili, che hanno un grande ruolo ecologico, la cattura di questi predatori apicali può alterare il normale equilibrio prede-predatore delle reti trofiche marine, con conseguenze future poco prevedibili.
 



Vuoi discutere con altri appassionati di Pesca? Vai sul Forum di HobbyPesca.
Entra a far parte della Community più grande d'Italia, centinaia di persone risponderanno alle tue domande.
Potrai conoscere tanti nuovi amici ed organizzare battute di pesca nella tua regione. Che aspetti! Iscriviti subito!


Copyright © HobbyPesca.com
E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso scritto della Redazione e dell'Autore
.

Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Design, Graphics and Web Site composed 
INGEMATIC Web Management
P.Iva IT 06544030726
I Siti del nostro Network

HobbyPesca.com | HobbyPesca.net | HobbyPescaShop.com
HobbyNautica.it | PescaeRelax.it | TavoleSolunari.com
Copyright © 2002-2020  :: v. release 8.0
Tutti i diritti sono riservati  ::  Riproduzione vietata
Contact Module