LOGO HOBBY PESCA :: Portale dedicato alla Pesca Sportiva in Mare e in Acque Interne, Settore Agonistico e tutte le Risorse legate al Mare
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Italian version
English version
Deutsche version
Francaise version
 Utenti On Line Utenti On line 819   Utenti nel Forum Forum    Fotografie nell'Album Fotografico Album Photos 0   Schede di Pesca in Archivio Schede Pesca 0   Utenti Iscritti al Forum Iscritti Forum 6.347  
  giovedì 23 gennaio 2020      Buongiorno ! Imposta HobbyPesca come HomePage Imposta come HomePage  Aggiungi questo portale alla lista dei tuoi Preferiti Aggiungi ai Preferiti  Segnala questo portale ad un tuo amico che condivide i tuoi stessi interessi e la passione per la pesca sportiva Segnala Sito ad un Amico 
  Torna alla Home Page  Torna Indietro  tecnica :: tecniche pesca :: articoli :: art0 roubaisienne acqueinterne Aggiungi HobbyPesca ai Tuoi Siti Preferiti  Segnala questa Pagina ad un Tuo Amico  Segnala Errore in questa Pagina 
 
  Novità :: Servizi e Rubriche
  Link Consigliati
Negozio di Pesca Sportiva, vasto assortimento ai prezzi più bassi del web!
Annunci Gratuiti Vendita Barche, Motori Nautici, Imbarcazioni e Accessori per la Nautica
libero
Vari
Altri Link Selezionati!
Introduzione alla Tecnica Roubaisienne
Commenta questo Articolo  Vota questo Articolo  Stampa questa Pagina 
Testo di  Danilo Serreli
Fotografie di  Danilo Serreli
Data Pubblicazione 
 • Caratteristiche Principali
 • Dove Praticarla
 • Pesci Insidiabili
 • Periodi Migliori
 • Attrezzatura
 • Esche Indicate
 • Pastura e Pasturazione
 • Terminali
 • Azione di Pesca
 • Note e Suggerimenti
CARATTERISTICHE PRINCIPALI

E’ un tipo di pesca nata in Francia, caratterizzata dall’uso di una canna fissa molto lunga con azione da punta, sulla quale si applica un elastico che ammortizza gli strattoni e le sfuriate delle prede, consentendo di utilizzare monofili molto leggeri.


DOVE PRATICARLA

Questa tecnica si presta molto bene alla pesca in carpodromo o sulle sponde pulite dei fiumi . L’essenziale per poter praticare liberamente questo tipo di pesca è lo spazio che ogni pescatore deve avere.

Purtroppo questa tecnica richiede una pesca statica e per poter sfruttare a pieno le caratteristiche della nostra canna, bisogna disporre di spazi ampi alle nostre spalle (per far scivolare indietro il fusto della roubaisienne in fase di recupero o di cambio dell’esca) e al di sopra di noi , visto che stiamo utilizzando canne molto lunghe.

Non è possibile praticare ovunque questa tecnica, il luogo va ricercato e molto spesso non si trovano le condizioni adatte, tale tipo di pesca è improponibile sulle sponde basse di fiumi e laghi o in tratti d’acqua a forte corrente.

Dovremo perciò assicurarsi che ricorrano tutte queste condizioni prima di iniziare la nostra sessione, è necessario che la nostra postazione si trovi in un punto piano dove l’acqua è immediatamente profonda.


PESCI INSIDIABILI

Carpa, Amur, Carassio, Scardola, Breme, Pesce Gatto, Gardon


Questa tecnica, sfruttando l’invisibilità dei fili usati consente belle catture


PERIODI MIGLIORI

Il periodo dipende esclusivamente dalle prede che si vogliono insidiare.

Per la pesca in carpodromo è preferibile la bella stagione, ma le catture sono assicurate tutto l’anno.

Per la pesca nei grandi fiumi non c’è una stagione tipo, bisogna solo considerare che usando attrezzatura leggera (fili piccoli e galleggianti da massimo 1 grammo) bisogna avere l’accortezza di non cimentarsi con questa tecnica in periodi in qui il corso dell’acqua è veloce.
In questo caso sarà difficile, se non impossibile poter pescare tranquillamente.


ATTREZZATURA

Sono indispensabili:

  • una canna fissa dagli 8 ai 15 metri a incastri invertiti con un minimo di due cimini in dotazione

  • un paniere o un seggiolino comodo su cui sedersi durante la pesca

  • un guadino molto lungo (meglio se telescopico a maglie strette e intercambiabili)

  • una nassa di discrete dimensioni

  • una o più bacinelle e la fionda per pastura

  • un reggicanna robusto ad azione invertita con un tubo per far scorrere la canna

Le canne sono molto particolari e vanno scelte con cura prima dell’acquisto a seconda del tipo di pesca e dai luoghi in cui la si vuole effettuare.

Le dimensioni più usate sono quelle attorno ai 12 metri, con corpo rigorosamente in carbonio. La canna deve essere leggera e resistente allo stesso tempo, poiché la maggior parte del tempo lo passeremo con lei in mano.
Consiglio di acquistare un minimo di due cimini per riuscire a trovare l’assetto di pesca migliore senza dover sprecare tempo.

Nell’ultima parte della canna (generalmente tra il secondo e il terzo innesto) viene inserito uno stopper con un filo elastico collegato alla cima e fermato da un altro apposito stopper da punta, al quale poi si applicherà la montatura. L’elastico va scelto in base al cimino e alla larghezza di questo. Generalmente la misura 1,2 è ottimale.

Un paniere è un vero amico del pescatore durante la sessione. La postazione deve essere comoda e deve avere tutto ciò che serve per non doversi alzare in continuazione, neanche per gradinare la preda.
Si ricorre infatti a guadini telescopici molto lunghi che consentono una cattura a distanza garantita, meglio se a maglie strette.

Il pesce andrà subito gettato nella nassa con molta cura di non danneggiarlo o ferirlo, evitando che esso possa stranire la nostra zona di pesca al rilascio. Rilascio che naturalmente verrà effettuato alla fine della sessione.

E’ indispensabile un robusto reggi canna apposito per chi non avesse il paniere che dispone gia degli attacchi. Questo deve poter reggere in equilibrio orizzontale la canna, perciò deve lavorare per forza di cose su 2 punti (uno avanti e uno dietro).


Galleggianti per roubaisienne


I più comuni connettori interni ed esterni per elastico


ESCHE INDICATE

Anche l’esca dipende strettamente dalla preda. In generale si usano larve come il bigattino, mais o paste pronte.


PASTURA E PASTURAZIONE

La pasturazione è molto importante per questa tecnica per ogni tipo di pesce, dai carassi e le scardole dei fiumi alle carpe dei laghetti.

Esistono molte pasture in commercio ottime per il nostro scopo. Generalmente quelle da fondo sono le migliori, magari insaporite ulteriormente con additivi e stimolatori. La maggior parte dei garisti usano anche il bigattino.

In alternativa, mi capita spesso di preparare in casa la pastura con semplici ingredienti (farina 00, farina di mais, uova) mischiati con prodotti appositi ( molto spesso uso Micro-Integro Bait della Tubertini, olio naturale della Comes e additivi vari).
I risultati sono grosso modo gli stessi, come i costi.

Fondamentalmente la pasturazione va compiuta poco e bene.
E’ importante sapere che un’errata pasturazione può compromettere la nostra sessione. Bisogna focalizzarci sulla zona attorno al nostro galleggiante (curandosi della corrente e della sua intensità) senza mai esagerare.


TERMINALI

Come già detto con questo particolare tipo di canna, e soprattutto con questo elastico si possono montare monofili diretti molto leggeri.

Le misure variano da un 0.14 - 0.16 massimo a un sottilissimo 0.10 per le situazioni più critiche. Io uso in carpodromo uno 0.120 e per il resto uno 0.148 per la pesca nel fiume (tutti e due della Teiko ).

I terminali completi non dovranno mai superare la lunghezza degli ultimi due innesti della nostra roubaisienne, così da ottenere una prestazione ottimale della canna (salvo casi in cui si peschi in zone dove l’acqua è molto alta).

Bisogna sempre tenere conto che il filo elastico sottoposto al peso e alle sfuriate delle prede tende ad allungarsi, per questo dovremo ogni volta adattarci a usare 2 o 3 innesti a seconda del caso e dei terminali in fase di cattura.

Sia per la pesca in carpodromo che nei fiumi io preferisco usare ami piccoli e ben affilati delle misure comprese tra il 16 e il 12, a seconda dell’esca utilizzata (ottimi i Katana della Maver e la serie 2011 della Teiko). Qualsiasi amo si usi, è necessario che questo sia resistente e che abbia una punta affilata che consenta sicurezza di cattura immediata.

I galleggianti più usati sono quelli di carico inferiore ad 1 grammo per i laghetti sportivi e ad 1.5 grammi massimo per i corsi d’acqua. Anche questo deve essere scelto con cura, deve infatti risultare visibile (nonostante le ridotte dimensioni) e pronto ad affondare ad ogni mangiata.

A circa 30/50 cm dall’amo dovranno essere collocati una serie di pallini spaccati dallo 0.12 grammi ad un massimo di 0.30 grammi, per consentire alla nostra esca un movimento dinamico e allo stesso tempo stabile.

E’ infine importante, prima di iniziare la sessione di pesca assicurarsi della profondità del fondo per capire a che livello stazionano le prede che vogliamo insidiare.


AZIONE DI PESCA

 


NOTE E SUGGERIMENTI

E’ importante imparare a collegare bene l’elastico della punta con i connettori. Un estremità viene collegata all’interno della canna tramite un connettore variabile (cambia il suo diametro tramite una rotellina), mentre l’altra va assicurata alla punta della nostra canna con un altro tipo di stopper.


Cimino roubaisienne

Bisogna sempre ricordarsi di tirare un po’ l’elastico in fase di collegamento in modo da lasciare rigido il connettore superiore e di consentire un’ uscita rapida di questo quando il pesce abbocca.

La tecnica della roubaisienne è forse una delle più fruttifere per quanto riguarda alcune prede, ma è anche una delle più difficili.

Bisogna riuscire ad apprendere i movimenti basilari e capire i luoghi dove si può praticare le esche e le montature adatte. Il modo migliore per apprenderla resta tuttavia quello di rubare con gli occhi i segreti di pescatori più pratici.

Buon divertimento.
 



Vuoi discutere con altri appassionati di Pesca? Vai sul Forum di HobbyPesca.
Entra a far parte della Community più grande d'Italia, centinaia di persone risponderanno alle tue domande.
Potrai conoscere tanti nuovi amici ed organizzare battute di pesca nella tua regione. Che aspetti! Iscriviti subito!


Copyright © HobbyPesca.com
E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso scritto della Redazione e dell'Autore
.

Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Design, Graphics and Web Site composed 
INGEMATIC Web Management
P.Iva IT 06544030726
I Siti del nostro Network

HobbyPesca.com | HobbyPesca.net | HobbyPescaShop.com
HobbyNautica.it | PescaeRelax.it | TavoleSolunari.com
Copyright © 2002-2020  :: v. release 8.0
Tutti i diritti sono riservati  ::  Riproduzione vietata
Contact Module