LOGO HOBBY PESCA :: Portale dedicato alla Pesca Sportiva in Mare e in Acque Interne, Settore Agonistico e tutte le Risorse legate al Mare
Italian version
English version
Deutsche version
Francaise version
 Utenti On Line Utenti On line 41   Utenti nel Forum Forum    Utenti in Chat Chat    Annunci nel Mercatino Msg Mercatino 59   Fotografie nell'Album Fotografico Album Photos 1.146   Schede di Pesca in Archivio Schede Pesca 299   Utenti Iscritti al Forum Iscritti Forum 4.490  
  Effettua il Login al Portale HobbyPesca     Registrati al Portale HobbyPesca  
  giovedì 17 aprile 2014      Buongiorno ! Imposta HobbyPesca come HomePage Imposta come HomePage  Aggiungi questo portale alla lista dei tuoi Preferiti Aggiungi ai Preferiti  Segnala questo portale ad un tuo amico che condivide i tuoi stessi interessi e la passione per la pesca sportiva Segnala Sito ad un Amico    Consulta HobbyPesca in modalità RSS Feed  
  Iscriviti alle News Letter del Portale HobbyPesca - Resta Informato su aggiornamenti e Iniziative     Iscriviti alle News Letter  ISCRIVITI ADESSO!
  Torna alla Home Page  Torna Indietro  tecnica :: tecniche pesca :: articoli :: art10 surfcasting Aggiungi HobbyPesca ai Tuoi Siti Preferiti  Segnala questa Pagina ad un Tuo Amico  Segnala Errore in questa Pagina 
 
  Novità :: Servizi e Rubriche
  Link Consigliati
L'attrezzatura Made in Italy per la Pesca di Profondità
Negozio di Pesca Sportiva, vasto assortimento ai prezzi più bassi del web!
Annunci Gratuiti Vendita Barche, Motori Nautici, Imbarcazioni e Accessori per la Nautica
Invia Gratis 5 SMS al giorno!
Vari
Altri Link Selezionati!
Le Esche del SurfCasting
Commenta questo Articolo  Vota questo Articolo  Stampa questa Pagina 
Testo di  Luca De Angelis
Fotografie di  Luca De Angelis
Data Pubblicazione  03/09/2006

Le esche si basano su due aspetti principali: l'odore e la luminescenza. L'odore, o meglio i grassi oleosi si diffondono con la corrente creando una forma di richiamo, fra le esche “odorose” possiamo includere le sardine, i muggini, e tutti gli anellidi che contengono liquidi, la capacità di un'esca di rendersi luminescente è efficace invece soprattutto con mare calmo, quando le correnti non trasportano gli odori, tra le esche luminescenti, le principali sono la seppia ed il calamaro, come i pesci si dividono in predatori e grufolatori, anche le esche sono divise in generiche e specifiche.

Le Esche del SurfCasting

Generiche Specifiche
Calamaro e Seppie Granchio
Muggine Murice
Anguilla Fasolare
Cannolicchio Cozza
Bibi Patella
Altri Anellidi Oloturia
Sardina  

SARDINA
E' l'esca principe del Surfcasting, ottima da usare soprattutto nel periodo ottobre-dicembre e in estate come richiamo, costa poco, qualche euro per kilo. La lunghezza giusta è intorno ai 12 cm, in modo da poterla innescare intera, a filetti o solo la testa (il filetto è il modo più utilizzato).

Per l'innesco si dispone la sardina su di un piano, e con una lama ben affilata si ottengono due filetti di circa 6 cm a partire dalla coda, si buca con l'amo la parte più larga e si dispone l'amo longitudinalmente al filetto con la punta verso fuori (esterna al filetto), oppure con la pelle verso l'esterno (ottimo soprattutto al tramonto per via del riflesso che lo fa sembrare un pesce in difficoltà), con l'uso del filo elastico, si avvolge il tutto creando un rotolo, molto resistente, una variante prevede un pezzo di polistirolo da mettere nel filetto, vola benissimo, e sopporta frustate incredibili, ma la sua durata in acqua è breve, perché perde molto velocemente l'odore, ed anche se l'innesco è perfetto, bisogna cambiarlo almeno ogni mezzora (si tasta il filetto con i polpastrelli delle dita, se non unge va cambiato).

Questo tipo d'innesco è letale con tutti i predatori, dal grongo, al sarago o alla famigerata spigolona. L'amo deve essere a curva stretta e con gambo lungo (acciaio o carbonio) della misura minima del n°4 in modo da facilitare l'ingoio dello stesso.

Il terminale migliore è lo short rovesciato di diametri non troppo bassi (0.26 minimo), se il mare è mosso si usano ami storti, perché il pesce mangia a strappo e difficilmente ingoia, il terminale migliore è il Pater-noster con braccioli dello 0.40 di 30 cm massimo.

La testa s'innesca facendo passare l'amo fra gli occhi e fuoriuscire sul dorso dietro la scatola cranica. Un altro innesco si ottiene tagliando la testa,infilando da qui un ago da sarda che va fatto fuoriuscire dalla coda, poi agganciamo il finale alla clips si tira l'ago che trascinerà il filo fuori della coda, si fa entrare il gambo dell'amo nella polpa e si fa un "nodo parlato" intorno alla coda con il finale, infine si lega il capo libero alla girella del trave.

MUGGINE
E' l'esca per insidiare il grosso predatore (spigola, grongo, palombo, ombrina, dentici, lecce, ricciole, serra, razze). Può essere usato vivo, oppure come la sardina a filetti che sono più grossi e consistenti (vanno prima squamati), ed invece del filo elastico, si usa uno 0.18, visto che le carni sono più dure.

Per innescarlo vivo, si prende un cefalo (20 cm) e si innesca sul dorso appena dietro il capo non troppo in profondità per non ridurne la vitalità, se c'è un predatore in giro, non passeranno più di venti minuti e avremo una bella spigola sul bagnasciuga.

ANGUILLA
Abbastanza usata in prossimità delle foci, si utilizza solo viva, ha un'enorme resistenza, anche al lancio, la misura ideale è intorno ai quindici centimetri e si innesca passando l'amo sottopelle a 7 centimetri dalla coda, in modo da evitare al minimo i grovigli,si usano dei Longarm con ami storti, ed ogni tanto si opera un piccolo recupero, perché l'anguilla tende ad infilarsi sotto la sabbia, per evitare questo, s'inserisce un bel galleggiante a circa 2/3 del terminale.

SEPPIE E CALAMARI
Nei mesi freddi (dicembre-febbraio), se si va a caccia di predatori, è meglio utilizzare come esca i cefalopodi, contrariamente a quanto si pensa, il calamaro non brilla di luce propria, il fenomeno è causato da batteri bioluminescenti costituenti il plancton che, irritandosi in seguito ai movimenti oppure riproducendosi velocemente e cibandosi del calamaro stesso conferiscono al cefalopode luminosità anche dopo morto e fuori dell'acqua producendo una luce,verdastra, questa rappresenta un richiamo visivo invincibile.

I cefalopodi si possono innescare a coda di rondine, ottima per la Spigola, meno per il Sarago oppure in maniera elicoidale o lineare, passando l'amo all'interno delle carni.

Le trance hanno una larghezza di un centimetro e una lunghezza variabile a volontà, se la corrente è forte si utilizza l'innesco lineare (una trancia al cui interno è fatto passare l'amo), se la corrente è debole, è preferibile l'innesco elicoidale ( l'amo entra ed esce dalla trancia più volte) per avere una mobilità maggiore.

L'innesco a coda di rondine si ottiene tagliando un lato della trancia (dove ci sarà la punta dell'amo) in modo da formare due punte, un altro ottimo innesco, è quello dei due tentacoli (grinfioni) del calamaro. Si utilizzano generalmente ami a gambo lungo e non troppo grossi, per migliorarne la resistenza nel lancio, si fa qualche giro di filo elastico in prossimità dell'occhiello dell'amo.

MURICE
E' una specie di lumacone contenuto in un guscio durissimo, ed è ottimo per Orate e Saraghi, è un'esca robusta, adatta anche ai lanci più forti e può essere usata anche surgelata.

S'innesca direttamente sulla spiaggia, rompendo con un martello il guscio e infilando un amo storto n°1 nel piede (la parte dura) e nascondendolo poi nella parte morbida, molto spesso si utilizzano sino a tre murici sullo stesso amo. Si utilizzano Longarm bassi che daranno gran mobilità e faranno lavorare il murice sul fondo.

GRANCHIO
E' un'esca importantissima, tra le migliori, ma spesso sottovalutata,basta aprire qualsiasi pesce d'opportune dimensioni e si scoprirà nelle loro pance alcuni granchi chiari che si trovano sul bagnasciuga. Costa zero euro e si procura direttamente sulla spiaggia legando le interiora di un pesce oppure una sardina su un pezzo di cannuccia che sarà infilata sulla sabbia dove il mare arriva e non arriva. Controllando di tanto in tanto cattureremo granchi ogni volta.

Si può innescare in due modi, o si passa l'amo storto tra le due giunture delle zampe laterali dopo aver tolto le chele, oppure senza togliere né zampe né chele, s'incastra un amo di misura adeguata al granchio, sotto il carapace longitudinalmente (la punta dell'amo gli capiterà vicino la bocca), con il filo elastico poi si effettua una legatura dell'amo e del carapace insieme orizzontalmente, stando attenti a lasciare due zampe da una parte e due zampe dall'altra della legatura.

Molto resistente al lancio, non s'intacca in nessuna maniera la sua vitalità,e sarà impossibile per lui insabbiarsi (a patto di aver rimosso precedentemente le due zampe a forma di pala), è un esca molto gradita soprattutto dalle Orate, ma anche a mormore grandi e Spigole di qualsiasi dimensione, naturalmente non teme attacchi da altri granchi. Si utilizzano Longarm dello 0.23-0.26

CANNOLICCHIO
E' un'esca ottima soprattutto in primavera con mare poco mosso e soprattutto quando l'acqua del mare non è molto trasparente, infatti il colore bianco delle sue carni è un richiamo in queste situazioni, ottimo soprattutto in Sardegna e Corsica, dove è gradito a tutte le specie come orate, mormore, saraghi, ombrine e razze, sembra un coltello a serramanico, e per innescarlo, bisogna privarlo del guscio ed utilizzare il piede (bianco), s'innesca come un verme, con l'aiuto dell'ago provvedendo prima di passarlo sull'amo rendendolo più consistente con qualche giro di filo elastico assicurandosi infine che il piede corrisponda alla punta dell'amo.

Da preferire il suo utilizzo fresco, può essere anche surgelato, avendo cura di scottarlo per una 20 di secondi in acqua salata e preoccupandosi poi a richiudere le valve che tendono ad aprirsi, unendoli nuovamente in mazzetti da 10 pezzi che stringeremo insieme con un elastico mantenendoli poi nel congelatore.

BIBI
Ottimo soprattutto per Orate e saraghi, con mare poco mosso o mosso. Ha un ottimo potere attirante grazie al liquido che contiene. È da preferire quello di piccole dimensioni.

Va innescato su ami a gambo dritto, con una curva abbastanza larga (minimo n°4) da facilitare il trasferimento dall'ago all'amo, è importantissimo ridurre la perdita del prezioso liquido durante la fase d'innesco. Sopporta i lanci potenti e raramente teme l'attacco di granchi. Non si conserva facilmente. Il bibi richiede spesso lo Short rovesciato.

OLOTURIA
Vive vicino agli scogli ed assomiglia ad un cetriolo di colore scuro, per innescarlo bisogna aprirlo, togliere il dentro e con un coltello affilatissimo staccare la parte bianca, poco consistente che vediamo all'interno, con quella creeremo dei bocconi che saranno irresistibili per Saraghi e Orate. Si usa su qualsiasi terminale.

FASOLARE

E' un bivalve racchiuso in una grossa conchiglia con all'interno una lingua rossa. È abbastanza robusta ed è gradita da qualsiasi sparide, ma anche dalla spigola e dall'ombrina, ha un sapore fortissimo, ed è quindi da utilizzare prevalentemente con mare mosso, si innesca privandola delle valve e nascondendo l'amo storto nelle sue carni che possono anche essere sezionate, ottima tutto l'anno, è però difficile da trovare. Funziona con terminali corti.

COZZA
Appetibile da Saraghi e Orate, s'innescano privandole delle valve e nascondendo l'amo nel suo muscolo,oppure si usano degli mosse ingannevoli. Si apre la cozza, s'infila l'amo nel muscolo usando anche altre cozze sgusciate in modo da aumentare l'inganno, si chiude il tutto con alcuni giri di filo idrosolubile, si lancia, il filo si scioglie, la cozza si apre e le Orate se ci sono, non mancheranno di abboccare all'inganno. Si usano terminali molto lunghi e ami storti.

PAGURO
E' un'esca generica, facilmente reperibile, specie d'estate e graditissima a molte specie, gli sparidi in primo luogo, i suoi habitué sono infatti l'orata, il pagello, il sarago e forse meno la mormora, e' un'esca che dà il meglio con mare non troppo mosso e sul misto.

Le orate preferiranno sicuramente quelli più grossi, anche di 6/7cm sgusciati, mentre gli altri pesci non dubiteranno nemmeno con esemplari di misura più ridotta, 2/3cm bastano, va estratto dalla conchiglia che lo accoglie con delicatezza e innescato dall'addome rigorosamente su robusti ami storti a gambo corto, e montato su terminali preferibilmente lunghi.

MURIDDU
Verme d'allevamento, distribuito in scatolette di 10 esemplari circa, è robusto ed efficace, appetito soprattutto dalle mormore,anni fa era sicuramente il più usato, attualmente molto meno, forse perché non è più bello come prima. Non serve l'ago per innescarlo, ma è preferibile usarlo.

OPHELIA o BOTTACCIOLO
E' un verme tozzo di colore rosso violaceo multicolore, con screziature color verde metallico che abita nella sabbia del bagnasciuga, potendo raggiungere la lunghezza di una decina di cm, è un'esca delicata, ma semplicissima da trovare in caso di necessità.

Molto gradito da mormore e ombrine, è necessario innescarne anche 5/6 per volta con aghi molto sottili e sostituirli abbastanza spesso.

COREANO
Non è un'esca molto appetita per il suo odore e sapore, la sua unica caratteristica positiva è la sua eccezionale mobilità, che in certe situazioni lo fanno scambiare facilmente per un'anguilla o per un altro pesce dai predatori, è quasi del tutto inutile se presentato a fondo, offre se presentato su uno short rovesciato con un flotterino sul bracciolo con mare increspato (lecce stella e aguglie) o mosso (spigole), va innescato solo per pochi centimetri e a partire dalla testa, intero, lasciando un lungo scodinzolo libero dall'amo, che potrà essere un Gamakatsu 120N o un Aberdeen leggero piccolo, purché non ne avvilisca la mobilità, nelle misure dal 6 al 10 secondo la taglia dei vermi e dei pesci.

AMERICANO
Verme molto sanguinolento, lungo, dotato di una testa retrattile, per innescarlo bisogna infilare l'ago nella testa quando questa esce (attenti perché morde), abbastanza resistente, è ottimo nel periodo autunnale e invernale,in alcuni periodi, sembra che le Orate mangino solo lui. Costa circa 60cents a verme in scatolette da 4-5 esemplari, si conserva in frigo anche per una settimana.

VERME DI RIMINI
È un verme di due tre etti con tanti piedini, che vive in adriatico e che si compra singolarmente. Attenti alla testa perché se vi morde fa veramente male, s'innesca tagliando il pezzetto che c'interessa dalla coda e innescandolo sull'amo anche senza ago,è luminescente e funziona benissimo specialmente con mare mosso, grazie alla sua consistenza, manda in visibilio tutti i pesci grossi come orate, spigole, ombrine e saraghi , si mantiene a lungo anche se già cominciato.

Data la mole, si utilizzano ami d'acciaio abbastanza grossi, così il pesce sarà spesso grosso.

CORDELLA
Esca estiva, di recente introduzione, è di colore rosato e si mantiene a temperature superiori ai 25 gradi, come il verme di rimini s'innesca a partire dalla coda.

TREMOLINA
Si usa soprattutto in gara nel sottoriva per i cefali oppure a galla per sugheri e lecce.

ARENICOLA
È la più usata in tutta Italia, soprattutto quando il mare non è molto mosso, s'innesca con l'aiuto dell'ago, bisogna prenderla sempre dalla testa (altrimenti si sminuzza tutta), s'inserisce il verme sull'ago dalla testa, e se è lunga (anche 50 cm) si spezza in due o in tre parti, si fa scorrere sull'amo e si lancia senza alcun problema, perché è resistente allo strappo ed è sicuramente quella che arriva più lontano possibile.

Ci si prende di tutto, ottima anche a galla per sugheri e lecce stella con l'ausilio di un flotterino magari luminoso sul terminale, accanto all'esca, si può innescare anche a ciliegia realizzando un boccone denso in prossimità della punta dell'amo, non si può lanciare però con violenza.

Costa da 60 cent a verme fino a 1,5 euro. E' un'opinione comune che sia scarsamente durevole come esca, la cosa più importante è non fargli prendere sbalzi di temperatura, e deve mantenersi sempre fra i 14 e i 21 °C, fondamentali luoghi come cantine e garage, mai in assoluto il frigo, per trasportarla dobbiamo usare i frigoriferi portatili che raffredderemo solo d'estate con un pasticca di ghiaccio, che però non dovrà mai venire a contatto con la scatola d'arenicola, altrimenti la uccide.
 



Vuoi discutere con altri appassionati di Pesca? Vai sul Forum di HobbyPesca.
Entra a far parte della Community più grande d'Italia, centinaia di persone risponderanno alle tue domande.
Potrai conoscere tanti nuovi amici ed organizzare battute di pesca nella tua regione. Che aspetti! Iscriviti subito!


Copyright © HobbyPesca.com
E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso scritto della Redazione e dell'Autore
.

Design, Graphics and Web Site composed 
INGEMATIC Web Management
P.Iva IT 06544030726
I Siti del nostro Network

HobbyPesca.com | HobbyPesca.net | HobbyPescaShop.com
HobbyNautica.it | PescaeRelax.it | TavoleSolunari.com
Copyright © 2002-2014  :: v. release 8.0
Tutti i diritti sono riservati  ::  Riproduzione vietata
Contact Module