LOGO HOBBY PESCA :: Portale dedicato alla Pesca Sportiva in Mare e in Acque Interne, Settore Agonistico e tutte le Risorse legate al Mare
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Italian version
English version
Deutsche version
Francaise version
 Utenti On Line Utenti On line 128   Utenti nel Forum Forum    Fotografie nell'Album Fotografico Album Photos 0   Schede di Pesca in Archivio Schede Pesca 0   Utenti Iscritti al Forum Iscritti Forum 6.347  
  sabato 25 gennaio 2020      Buongiorno ! Imposta HobbyPesca come HomePage Imposta come HomePage  Aggiungi questo portale alla lista dei tuoi Preferiti Aggiungi ai Preferiti  Segnala questo portale ad un tuo amico che condivide i tuoi stessi interessi e la passione per la pesca sportiva Segnala Sito ad un Amico 
  Torna alla Home Page  Torna Indietro  tecnica :: tecniche pesca :: articoli :: art13 traina Aggiungi HobbyPesca ai Tuoi Siti Preferiti  Segnala questa Pagina ad un Tuo Amico  Segnala Errore in questa Pagina 
 
  Novità :: Servizi e Rubriche
  Link Consigliati
Negozio di Pesca Sportiva, vasto assortimento ai prezzi più bassi del web!
Annunci Gratuiti Vendita Barche, Motori Nautici, Imbarcazioni e Accessori per la Nautica
libero
Vari
Altri Link Selezionati!
I Dentici di La Maddalena
Commenta questo Articolo  Vota questo Articolo  Stampa questa Pagina 
Testo di  Domenico Demuru
Fotografie di  Domenico Demuru
Data Pubblicazione  21/12/2008

Cosa ci faccia un pescatore d'acqua dolce con dei dentici è un vero mistero. Gli appassionati del nostro portale Hobby Pesca mi conoscono come pescatore di trote, bass, qualche volta anche di spigole e barracuda, sempre pescate con gli artificiali a spinning. Come spiegare allora catture di dentici, e che dentici aggiungerei, prai e ricciole che sto per descrivervi?! Poco ci vuole.

Basta vivere in quel di La Maddalena e conoscere un bravo pescatore, nonché lupo di mare, come Fabrizio Marogna ed il gioco e fatto. Trovarsi in buone mani spesso è la carta vincente per andare incontro a catture da favola, di quelle che non ti scordi tanto facilmente. La fortuna ha voluto che conoscessi Fabrizio e la sua grande esperienza di navigazione nell'arcipelago di La Maddalena.

Quando ti trovi in compagnia di un capitano di vascello che conosce come le sue tasche ogni piccola secca, ogni scoglio e raggiro d'acqua dell'arcipelago il gioco e fatto. Incappare in una bella preda non è cosa difficile, anzi. Se poi considerate che perfino un pescatore d'acqua dolce riesce a pescare dentici di otto chili, significa che Fabrizio è proprio un mago.

Primi giorni del mese di giugno. L'estate quest'anno sembra non arrivare mai. La pioggia ed il vento incessanti hanno reso le uscite di pesca a traina molto rare. Finalmente però arrivano notizie confortanti. I discendenti televisivi del colonnello “Bernacca” danno buone notizie. Un fronte di alta pressione accompagnato da tempo stabile e venti a regime di brezza stanno per raggiungere il nord Sardegna. Le condizioni sono perfette.

Attendo con frenesia la chiamata di Fabrizio per l'uscita di pesca che ormai si fa attendere da troppo tempo. Finalmente si parte; lasciamo il porticciolo di Padule, dove di solito il capitano imbarca gli ospiti della sua barca da pesca, un Cris Craft di 8 metri, per dirigerci verso le secche situate tra l'isola di Spargi e di Budelli (per informazioni sulle uscite di pesca nell'arcipelago di La Maddalena, potete chiedere informazioni telefoniche al numero 392-1545185-Fabrizio).

Poiché il mare ci regala una calma quasi insolita, si decide di andare a pescare col gommone, così da poter trainare anche in prossimità di secche sporgenti, dove il cabinato non può arrivare.
In navigazione, accompagnati dall'amico Hervè, si discute sugli artificiali da utilizzare per l'imminente calata in acqua delle canne. Tra le tante esche decidiamo di montare quelle fabbricate dal mio amico Umberto Ballabio, i Luciapuma, di cui tanto bene si dice in circolazione.

Queste esche fanno faville nello spinning in acque interne; Trote, Bass, persici reali e spesso anche cefali, si fanno ingannare da questi stupendi “minnows” costruiti in lamina d'acciaio. Laureatisi campioni del mondo con la nazionale italiana di spinning da riva in Portogallo nel 2006 sono tutt'oggi tra le esche più utilizzate dagli agonisti di questa disciplina. Anche il sottoscritto ne possiede una svariata quantità di modelli e colorazioni, a cui è particolarmente legato; spesso queste esche mi hanno salvato da situazioni abbastanza imbarazzanti, regalandomi catture che fino a quel momento mi erano state negate con ogni altro tipo di artificiale.

Arrivati sul luogo di pesca mi accingo a montare sul pozzetto di poppa l'affondatore, che ci permetterà di pescare negli strati d'acqua più prossimi al fondo. Fabrizio prepara le canne montando su quella che navigherà più in profondità un modello con la testina di plastica di colorazione rossa da 14 centimetri. L'artificiale che invece verrà trainato a circa dodici-quindici metri dal fondo sarà un Luciapuma da 9 centimetri costituito dal solo corpo d'acciaio a striature azzurre.

Ricordo a tutti i lettori di Hobby Pesca che volessero utilizzare questo tipo di artificiale che è possibile piegare le alette metalliche dell'esca per donare all'artificiale un movimento ancora più sinuoso. Per di più è possibile scegliere la posizione di aggancio della lenza sulla paletta dell'esca, così da regolare l'affondamento in funzione degli spot di pesca selezionati.

Finalmente c'eravamo; esche in acqua, artificiali affilati, canne pronte alla ferrata. Mancava solo il pesce. Tra una discussione e l'altra, con il sottoscritto che interrogava i due pescatori indigeni sui nomi di ciascuno scoglio di La Maddalena, il tempo sembrava non passare mai. Per un pescatore di spinning, tra l'altro abituato a farsi decine di chilometri lungo i torrenti di montagna, osservare le canne nella stessa posizione in attesa di una partenza è una sofferenza immane. L'unico motivo di agitazione a bordo è la regolazione del piombo dell'affondatore, opportunamente alzato od abbassato in funzione della profondità dell'acqua.

La mia scarsa vena di collaborazione psicologica però doveva durare ancora per poco. Dopo circa un'ora di navigazione, in prossimità dell'isola di Budelli, la canna con l'artificiale navigante sul fondo parte decisa. Frizione chiusa, ferrata secca ed il pesce è allamato. La lotta nei primi istanti è davvero serrata, tanto da farmi sobbalzare dal mio torpore pomeridiano. Fortuna vuole che Fabrizio abbia riflessi maggiori dei miei ed il pesce, battezzato da subito come un bel dentice, viene staccato subito dal fondo per evitare rotture della lenza. Tutti sanno che la lotta con questa bellissima preda dura purtroppo ben poco. Decisamente pazzesca all'inizio ma praticamente nulla man mano che il pesce si stacca dalla profondità verso la barca.

Comunque la vista di un dentice di sei chili ravviva la serata e rinvigorisce gli animi, soprattutto quello di un pescatore di trote. Issato a bordo non manca la foto di rito, due risate di enorme soddisfazione e si riparte; artificiali in acqua, si torna a sperare per una nuova ferrata.

Questa volta non passa molto tempo, appena un quarto d'ora ed il Luciapuma che naviga sul fondo fa ancora strike. Stavolta il compito del recupero spetta ad Hervè, anch'egli convinto da subito che si tratti di un altro dentice di tutto rispetto. Detto fatto, mi trasformo in un raffio umano ed isso a bordo un altro stupendo esemplare che si aggira sugli otto chili. Non credo quasi ai miei occhi.

Le sorprese però non sono ancora finite. Ripartiti con la traina degli artificiali non si fa in tempo a festeggiare l'ultima cattura che la canna riparte ancora, con un altro dentice allamato alla perfezione. Mi riprometto di chiamare il mio amico Umberto per rallegrarmi dell' efficacia dei suoi artificiali, che per il momento si sono dimostrati più che all'altezza della situazione. Dopo qualche minuto anche il terzo “denticione” è sullo scafo a far compagnia agli altri fratelli precedentemente pescati.

La serata ancora doveva regalarci due catture di enorme rispetto. Ad intervallare le catture degli sparidi ci pensava uno stupendo praio che si è fatto ingannare dall'imitazione trainata a circa cinque sei metri dal fondo.

Prima di ritornare in porto ancora un dentice doveva cadere nelle nostra trappola. Il più grande di dei quattro si è fatto alla fine ingannare nei pressi di Razzoli sempre da un Luciapuma di dieci centimetri con la testina in plastica di colorazione blu. Con grande maestria Fabrizio lotta con lo stupendo esemplare che gli dà filo da torcere fin da subito. Ma come si dice la classe non è acqua e per sfortuna del pesce anch'esso viene salpato a bordo.

Stavolta si può festeggiare con tranquillità. Mentre le ombre scendono tra le isole dell'arcipelago, i motori sussurrano, la frizzante aria della sera scivola sulle nostre guance, osservo i miei compagni, fieri della pescata si apprestano a mettere piede in porto, e penso che mai serata possa regalare emozioni stupende come quella dei “dentici di Maddalena”.

  Identikit  
Come riconoscere il Dentice

Il Dentice (Dentex dentex) è presente nel Mediterraneo, Atlantico orientale e parte del mar Nero.
Pesce predatore si ciba di pesci, cefalopodi, molluschi.
Il suo peso può raggiungere i 12 - 15 kg.

Morfologia

Corpo robusto ovale, schiacciato lateralmente. Bocca con denti caniniformi e muso obliquo.
Colorazione grigia con riflessi argentei e bluastri più scura sul dorso.

Habitat

Fondali rocciosi e a posidonia profondi, con scogliera alta a picco sul mare.
I mari in cui è più diffuso sono il Mediterraneo, l'Atlantico orientale.
Si possono trovare esemplari fino a 200 metri di profondità.

Comportamento

Gli esemplari giovani vivono in branco, gli adulti si spostano solitari quando sono alla ricerca di cibo o al più a coppie.

 

 

Domenico Demuru
 



Vuoi discutere con altri appassionati di Pesca? Vai sul Forum di HobbyPesca.
Entra a far parte della Community più grande d'Italia, centinaia di persone risponderanno alle tue domande.
Potrai conoscere tanti nuovi amici ed organizzare battute di pesca nella tua regione. Che aspetti! Iscriviti subito!


Copyright © HobbyPesca.com
E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso scritto della Redazione e dell'Autore
.

Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Design, Graphics and Web Site composed 
INGEMATIC Web Management
P.Iva IT 06544030726
I Siti del nostro Network

HobbyPesca.com | HobbyPesca.net | HobbyPescaShop.com
HobbyNautica.it | PescaeRelax.it | TavoleSolunari.com
Copyright © 2002-2020  :: v. release 8.0
Tutti i diritti sono riservati  ::  Riproduzione vietata
Contact Module