LOGO HOBBY PESCA :: Portale dedicato alla Pesca Sportiva in Mare e in Acque Interne, Settore Agonistico e tutte le Risorse legate al Mare
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Italian version
English version
Deutsche version
Francaise version
 Utenti On Line Utenti On line 266   Utenti nel Forum Forum    Fotografie nell'Album Fotografico Album Photos 0   Schede di Pesca in Archivio Schede Pesca 0   Utenti Iscritti al Forum Iscritti Forum 6.347  
  sabato 7 dicembre 2019      Buon Pomeriggio ! Imposta HobbyPesca come HomePage Imposta come HomePage  Aggiungi questo portale alla lista dei tuoi Preferiti Aggiungi ai Preferiti  Segnala questo portale ad un tuo amico che condivide i tuoi stessi interessi e la passione per la pesca sportiva Segnala Sito ad un Amico 
  Torna alla Home Page  Torna Indietro  tecnica :: tecniche pesca :: articoli :: art2 trota lago Aggiungi HobbyPesca ai Tuoi Siti Preferiti  Segnala questa Pagina ad un Tuo Amico  Segnala Errore in questa Pagina 
 
  Novità :: Servizi e Rubriche
  Link Consigliati
Negozio di Pesca Sportiva, vasto assortimento ai prezzi più bassi del web!
Annunci Gratuiti Vendita Barche, Motori Nautici, Imbarcazioni e Accessori per la Nautica
libero
Vari
Altri Link Selezionati!
Come affrontare la Trota
Commenta questo Articolo  Vota questo Articolo  Stampa questa Pagina 
Testo di  Emanuele Adanti
Fotografie di  Emanuele Adanti
Data Pubblicazione  16/04/2006

Come affrontare le trote?
Questa è una domanda alla quale ogni pescatore risponde secondo la propria esperienza ed i propri gusti.
Io sono convinto che i predatori devono essere pescati a spinning per godere della loro aggressività, sentire in mano come può essere violento l' attacco della regina delle acque interne è una sensazione mozzafiato.

Per cominciare a conoscere la trota è meglio partire da un laghetto di pesca sportiva, consiglio di utilizzare canne da 2.4 metri ed un buon mulinello da 1000 a 1500 con imbobinato un ottimo trecciato da 0.12 mm di diametro in modo da avere uno strumento abbastanza versatile per poi affrontare altri itinerari.

Raggiunto il posto si deve scegliere il punto dove iniziare a lanciare.
In un laghetto artificiale, ci sono 2 elementi determinanti da tenere in considerazione:

  • le acque di una cava artificiale non sono un granché ossigenate, quindi quando il vento crea delle ondine bisogna trovarselo di fronte (l' acqua diventa più ossigenata e quindi più gradevole per la nostra preda), anche perché tutte le sostanze nutritive (particelle, insetti morti etc) verranno verso di noi, e si fermeranno sotto la nostra sponda.

  • verificare se ci sono pompe che stanno rinfrescando e/o riempiendo la cava: quello è un posto ideale per lanciare, sempre per il fatto che la trota ama l' acqua fresca ed ossigenata.

In mancanza di queste condizioni bisogna tenere d' occhio il movimento delle trote nel laghetto: se è il periodo della riproduzione ci sono delle giornate in cui sono ferme sotto riva indaffarate nello scavare la loro buchetta per la riproduzione (sono sterili ma l' istinto è l' istinto). In queste giornate mettetevi l' anima in pace che di catture ne farete veramente poche, se non arriverà il “cappotto”.

Se di mattina presto le vedete in movimento vistoso in superficie questa può essere una pescata meravigliosa, quindi lanciate sempre dove le vedete sbollare, e spesso vi ripagherà.

La trota va pescata con cucchiaini piccoli diciamo da 2 a 5 grammi nei laghetti, consiglio i veltic ed i martin, ed anche piccoli rapala count down da 3 a 5 cm possono essere molto catturanti.

Consiglio sempre recuperi a canna bassa e tendenzialmente lenti per entrambi, ma per il rapalà bisogna dargli dei colpetti di polso: questo movimento si tramuta in piccole accelerazioni.

Prima di cominciare a pescare, e se non si conosce il movimento dell' artificiale si fa qualche lancio molto vicino a noi e si studia il movimento, il rapala non deve muoversi come un pesce “epilettico”, il suo spinnare deve essere armonico come nella realtà.

Pescate fino alla fine, fin sotto i vostri piedi, spesso negli ultimi, neanche metri ma centimetri, ci scappa la sorpresa, e non variate la velocità.
La ferrata con la trota è praticamente inutile, ha un attacco che è autoferrante.

Spesso vi capiterà di sentire un attacco, ma senza che il pesce si sia allamato, come un colpetto: non continuate a recuperare, per circa 1-2 secondi lasciate che l' artificiale affondi come se fosse stato tramortito, e poi ripartite, perchè spesso la trota fa un secondo attacco più deciso del precedente.

Dal laghetto ai grandi fiumi

Dopo aver raggiunto una certa dimestichezza con le trote dei laghetti sportivi, vi potrete accostare alle trote dei grandi fiumi, consiglio di cominciare con anse molto larghe e profonde, dove vi consiglio di aumentare il peso degli artificiali in proporzione alla corrente.
I lanci devono essere molto precisi, anche perché lo spazio d' azione spesso è molto limitato da molteplici ostacoli visibili (al di fuori dell' acqua o appena sottostanti la superficie) ed invisibili (questi purtroppo si scoprono spesso lasciando qualche artificiale nel letto del fiume).

Si deve lanciare sempre contro corrente, a circa 45° rispetto alla sponda opposta, bisogna lasciare che il rotante affondi un po' e poi si da una ferrata e si parte con il recupero, si andrà a formare una traiettoria curva che ci tornerà sotto i piedi contro corrente, questa azione spesso paga molto bene, anche con catture di taglia, dovuta anche al fatto che si usa un artificiale corpulento.

Se si usa un rapala bisogna lanciare sempre in prossimità della sponda opposta e contro corrente, ma con un angolo maggiore, l' artificiale deve essere sempre un count down, e per i primi metri non si deve agire in nessuna maniera e lasciare l' archetto alzato per far si che l' artificiale prenda un po' di profondità, poi si inizia il recupero.

Quando il rapala si posiziona con la coda nella direzione opposta a dove ci troviamo noi si rallenta leggermente il recupero (il movimento viene aiutato dalla corrente) e si comincia a dare dei colpetti di polso per dare le accelerazioni, ed anche qui pescate fino alla fine, spesso la trota uscirà anche molto vicina a noi.
Parte fondamentale deve essere anche l' avvicinamento allo spot, si deve essere silenziosi, e compiere movimenti lenti e l' abbigliamento deve essere adeguato.

Mai andare a pescare le trote con abbigliamenti dai colori accesi, da evitare categoricamente impermeabili gialli o rossi, cappelli di colori accesi; consiglio il grigio scuro o il marrone scuro ed il verde sempre scuro(tutti colori che si mimetizzano con l' ambiente), la trota ha una vista fenomenale.

Una volta che la trota ci vede ci si può dimenticare di avere qualche possibilità di catturarla.
Per i fiumi grandi consiglio canne da 2.70 metri primo perché solitamente hanno una grammatura da casting maggiore e si gestiscono meglio i grandi rotanti, secondo perché spesso sotto i nostri piedi ci sono degli impedimenti per recuperare tra le nostre mani l' artificiale.

Spero di essere stato d' aiuto a tutti coloro che vogliono cominciare la pesca alla trota, un grande in bocca al lupo!

Emanuele Adanti
 



Vuoi discutere con altri appassionati di Pesca? Vai sul Forum di HobbyPesca.
Entra a far parte della Community più grande d'Italia, centinaia di persone risponderanno alle tue domande.
Potrai conoscere tanti nuovi amici ed organizzare battute di pesca nella tua regione. Che aspetti! Iscriviti subito!


Copyright © HobbyPesca.com
E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso scritto della Redazione e dell'Autore
.

Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Design, Graphics and Web Site composed 
INGEMATIC Web Management
P.Iva IT 06544030726
I Siti del nostro Network

HobbyPesca.com | HobbyPesca.net | HobbyPescaShop.com
HobbyNautica.it | PescaeRelax.it | TavoleSolunari.com
Copyright © 2002-2019  :: v. release 8.0
Tutti i diritti sono riservati  ::  Riproduzione vietata
Contact Module