LOGO HOBBY PESCA :: Portale dedicato alla Pesca Sportiva in Mare e in Acque Interne, Settore Agonistico e tutte le Risorse legate al Mare
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Italian version
English version
Deutsche version
Francaise version
 Utenti On Line Utenti On line 253   Utenti nel Forum Forum    Fotografie nell'Album Fotografico Album Photos 0   Schede di Pesca in Archivio Schede Pesca 0   Utenti Iscritti al Forum Iscritti Forum 6.347  
  martedì 27 ottobre 2020      Buongiorno ! Imposta HobbyPesca come HomePage Imposta come HomePage  Aggiungi questo portale alla lista dei tuoi Preferiti Aggiungi ai Preferiti  Segnala questo portale ad un tuo amico che condivide i tuoi stessi interessi e la passione per la pesca sportiva Segnala Sito ad un Amico 
  Torna alla Home Page  Torna Indietro  tecnica :: tecniche pesca :: articoli :: art4 galleggiante Aggiungi HobbyPesca ai Tuoi Siti Preferiti  Segnala questa Pagina ad un Tuo Amico  Segnala Errore in questa Pagina 
 
  Novità :: Servizi e Rubriche
  Link Consigliati
Negozio di Pesca Sportiva, vasto assortimento ai prezzi più bassi del web!
Annunci Gratuiti Vendita Barche, Motori Nautici, Imbarcazioni e Accessori per la Nautica
libero
Vari
Altri Link Selezionati!
Pesca della Spigola dalla Riva
Commenta questo Articolo  Vota questo Articolo  Stampa questa Pagina 
Testo di  Claudio Iavarone
Fotografie di  Claudio Iavarone
Data Pubblicazione  15/10/2006

Una delle tecniche poco usate per motivi spesso di diffidenza, e la “ Pesca con Bolognese dalla riva”, questa tecnica e molto redditizia se fatta con l'attrezzatura giusta e nelle ore giuste.


Spiaggetta tipica in cui si può praticare questa tecnica

Come si può immaginare sulla spiaggia, che sia essa sabbiosa o rocciosa, durante le ore notturne si vanno a rifugiare, piccoli pesci, molluschi, invertebrati, etc.

Ora vi domando: è possibile che dove c'è del cibo cosi prelibato e facile da catturare non si aggiri uno dei più spietati predatori dei nostri mari e cioè la famigerata Spigola?

No non è possibile! Infatti la riva diventa uno dei territori di caccia più battuto dalla spigola sia nelle ore notturne che all'alba.
La tecnica che ora vi illustrerò è tra le più efficaci e praticabili per la semplicità della montatura, e la leggerezza della stessa.

Come attrezzatura una Bolognese da 5 mt con azione parabolica, un galleggiane che può variare dallo 0.30 ad 1.50 gr a seconda del vento e delle correnti. Il terminale deve essere lungo a seconda della profondità che si va a misurare, ami del 18 per bigattino, esca bigattino o arenicola.

Adesso andiamo a vedere nello specifico come insidiare la nostra preda
Vi sarà capitato spesso di recarvi su qualche spiaggia nelle prime ore dell'alba, e vedere a riva branchi di pesciolini che scappano all'impazzata saltando fuori dall'acqua.

Il problema che si pone però è come cercare di insidiare la spigola in acque cosi basse (si parla di profondità dai 60 cm ai 150 cm), con un'esca che sembri quanto più possibile naturale e libera da fili o piombi.

Ecco il tipo di attrezzatura da usare e il tipo di montatura


Galleggiante piombato senza asta (modello costruito artigianalmente


Galleggiante piombato senza asta


Esempio di ami per bigattino


Filo per terminale

Per poter praticare una pesca con galleggianti cosi leggeri, dovremmo usare una canna da bolognese non troppo rigida, diciamo con un azione semi-parabolica, cioè morbida verso la punta, per poter permettere al galleggiante di poter viaggiare grazie alla spinta del cimino.

La scelta del filo in bobina è sicuramente determinante, sia per la resistenza e sia per il diametro che deve essere non troppo grande, ma molto resistente ed elastico. Ecco perché io mi sono orientato verso uno 0.14 del tipo Gorilla, molto resistente.

Come potete osservare dallo schema, il galleggiante viene fissato da due pollini di piombo, che non stringeremo troppo sulla lenza madre, per permettere di regolare l'altezza durante la fase di pesca senza segnare il filo.


Come realizzare la lenza proposta

Il terminale viene legato alla lenza madre tramite una doppia asola, onde evitare un montaggio di una girellina che anche se minuscola, renderebbe la funzione del terminale anomala, trattandosi di terminali corti, e liberi di svolazzare nelle onde e nelle correnti di riva. La lunghezza del terminale sarà per la quasi totalità della profondità.

Per quanto riguarda l'esca, possiamo usare sia il bigattino che l'esca rossa, (arenicola) in quanto entrambe sono efficacissime per la pesca alla spigola.

In fine voglio ricordare l'importanza della pasturazione, se peschiamo con il bigattino, è fondamentale fiondare una piccola quantità di larve sopra il galleggiante, facendo ovviamente attenzione alle correnti trasversali.

Claudio Iavarone
Un saluto a tutti i Visitatori di HobbyPesca
 



Vuoi discutere con altri appassionati di Pesca? Vai sul Forum di HobbyPesca.
Entra a far parte della Community più grande d'Italia, centinaia di persone risponderanno alle tue domande.
Potrai conoscere tanti nuovi amici ed organizzare battute di pesca nella tua regione. Che aspetti! Iscriviti subito!


Copyright © HobbyPesca.com
E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso scritto della Redazione e dell'Autore
.

Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Design, Graphics and Web Site composed 
INGEMATIC Web Management
P.Iva IT 06544030726
I Siti del nostro Network

HobbyPesca.com | HobbyPesca.net | HobbyPescaShop.com
HobbyNautica.it | PescaeRelax.it | TavoleSolunari.com
Copyright © 2002-2020  :: v. release 8.0
Tutti i diritti sono riservati  ::  Riproduzione vietata
Contact Module