LOGO HOBBY PESCA :: Portale dedicato alla Pesca Sportiva in Mare e in Acque Interne, Settore Agonistico e tutte le Risorse legate al Mare
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Italian version
English version
Deutsche version
Francaise version
 Utenti On Line Utenti On line 30   Utenti nel Forum Forum    Fotografie nell'Album Fotografico Album Photos 0   Schede di Pesca in Archivio Schede Pesca 0   Utenti Iscritti al Forum Iscritti Forum 6.347  
  domenica 8 dicembre 2019      Buongiorno ! Imposta HobbyPesca come HomePage Imposta come HomePage  Aggiungi questo portale alla lista dei tuoi Preferiti Aggiungi ai Preferiti  Segnala questo portale ad un tuo amico che condivide i tuoi stessi interessi e la passione per la pesca sportiva Segnala Sito ad un Amico 
  Torna alla Home Page  Torna Indietro  tecnica :: tecniche pesca :: articoli :: art4 surfcasting Aggiungi HobbyPesca ai Tuoi Siti Preferiti  Segnala questa Pagina ad un Tuo Amico  Segnala Errore in questa Pagina 
 
  Novità :: Servizi e Rubriche
  Link Consigliati
Negozio di Pesca Sportiva, vasto assortimento ai prezzi più bassi del web!
Annunci Gratuiti Vendita Barche, Motori Nautici, Imbarcazioni e Accessori per la Nautica
libero
Vari
Altri Link Selezionati!
Conoscere il Mare :: Le Basi del Surfcasting
Commenta questo Articolo  Vota questo Articolo  Stampa questa Pagina 
Testo di  Luca De Angelis
Fotografie di  Luca De Angelis
Data Pubblicazione  15/01/2006

Osservando un mappamondo, si notano immediatamente, quelle enormi distese azzurre che circondano i continenti e che rispondono al nome di oceani.

Questi ricoprono il 70% dell’intero pianeta, attenzione però perché parliamo di superficie e non di volume; la profondità media di questa massa d’acqua, in effetti, è di soli 1500 metri, una distanza che con un’automobile si percorre in un minuto: gli abissi non sono poi così profondi se paragonati alla superficie della terra. Se la terra fosse ad esempio un uovo, pensate che tutti i mari occuperebbero un volume non superiore ad una gocciolina posata sul suo guscio!

Nonostante l’enorme differenza di volume, questa “pozzanghera“ regola da sempre la vita della terra, la zona costiera è anche quella che ci riguarda più da vicino, per tanti aspetti tra cui quello sportivo: dobbiamo quindi rispettarla e farla rispettare. A prima vista il letto sabbioso che ci vedrà impegnati con le canne da pesca, appare come un gran deserto, ma non è così; ben diverse sono le cose nel substrato. Questo infatti è abitato da tutta una serie di molluschi, che rappresentano anche alimento principale per tantissime specie ittiche.
Con le condizioni di mare calmo, tutto ciò è nascosto sotto un palmo di sabbia: ben lo sanno diverse famiglie di grufolatori i quali lo raggiungono grazie ad un muso allungato e prensile.
Al contrario, quando le spiagge sono battute dalle onde, tutti questi organismi sono disseppelliti dalla forza dei frangenti, trasportati dalla corrente e depositati nelle zone d’accumulo.
Durante questo tragitto, cannolicchi, telline, anellidi, sono alla mercé dei peschi che (consapevoli del fenomeno) lasciano le loro tane e gli habitat di caccia abituali.

E’ quindi un movimento di pesci causato da cibo facile, messo in luce dall’opera delle onde; questo è anche il significato del surfcasting.
Per lo stesso motivo, con la mancanza del frangente, decadono i presupposti di mangianza e quindi del surf casting inteso come specialità.

Naturalmente il lavoro dei frangenti sul fondo, è proporzionato all’intensità del moto ondoso, la quale è in diretta correlazione alla profondità della spiaggia.
A parità di forza-mare, si avrà un frangente più esterno nella spiaggia meno profonda.

Inoltre, la spiaggia più profonda possiede la grana sabbiosa più consistente. Da ciò traspare innegabilmente che, ove si trovi maggiore profondità, l’opera di scavo necessita di una forza superiore per produrre lo stesso effetto che genera su una spiaggia bassa.

I fattori che intervengono nella circostanza sono due: profondità della spiaggia e consistenza della grana.

La prima l’abbiamo gia esaminata, la seconda si riferisce al fatto che, per spostare un granello di sabbia di 5mm , occorre un’energia superiore di quella necessaria a rimuoverne uno di 1mm. Naturalmente il successo di una battuta di pesca, oltre a questo insieme di fattori concomitanti, dipende anche dalla fertilità della coltre sabbiosa.

Chi ama guardare il fondo con la maschera, sa benissimo che le concentrazioni di cannolicchi o di altri organismi, sono circoscritte a zone ben definite e spesso distanti tra loro; ebbene, l’azione di scavo sarà fertile se avviene in questi punti, arricchendo quello che è definito serpentone detritico.
Tradotto in spiccioli, i segnali di pesca saranno più consistenti se l’esca lavora in prossimità di questi depositi; più radi se l’insidia è caduta più distante.

Abbiamo già parlato di quanto il disegno del fondo influenzi le onde e le trasformazioni, solo un declivio regolare infatti, produrrebbe un solo grande frangente parallelo a tutta la riva. In questo caso individuare la zona di pascolo sarebbe veramente semplice, si troverebbe infatti in prossimità dell’ultimo frangente, ma la realtà è diversa.

La regola si compone di spiagge molto irregolari, motivo che rende problematico rilevare l’esatta posizione del deposito detritico. Ecco venirci in contro i settori di pesca, che con i loro parametri, ormai gergo comune nel surfcasting, offrono uno strumento indispensabile nella chiave di lettura.

Punta di sabbia, canalone, settore rettilineo, sono i cosiddetti settori primari, in pratica quelli che si affrontano a viso scoperto.
Foce, misto, baia riparata, sono invece soluzioni di ripiego, che aiutano a gestire sia l’eccesso sia la mancanza d’onde.

Ma non è tutto così semplice, poiché a confondere gli occhi ci pensano i banchi di sabbia, in altre parole delle prominenze del fondo (in parte stabili) che deviano il moto ondoso e le correnti.
Li troviamo qua e là, mischiati ai settori, e sono da scartare per la loro congenita sterilità.

Nel prossimo articolo analizzerò nel dettagli i settori
 



Vuoi discutere con altri appassionati di Pesca? Vai sul Forum di HobbyPesca.
Entra a far parte della Community più grande d'Italia, centinaia di persone risponderanno alle tue domande.
Potrai conoscere tanti nuovi amici ed organizzare battute di pesca nella tua regione. Che aspetti! Iscriviti subito!


Copyright © HobbyPesca.com
E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso scritto della Redazione e dell'Autore
.

Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Design, Graphics and Web Site composed 
INGEMATIC Web Management
P.Iva IT 06544030726
I Siti del nostro Network

HobbyPesca.com | HobbyPesca.net | HobbyPescaShop.com
HobbyNautica.it | PescaeRelax.it | TavoleSolunari.com
Copyright © 2002-2019  :: v. release 8.0
Tutti i diritti sono riservati  ::  Riproduzione vietata
Contact Module